Home Page di SocialFin.it


Prestiti a segnalati in sofferenza


Prestiti a segnalati in sofferenza imprese incluse e differenza tra incaglio e sofferenza bancaria




Prestiti con sofferenza bancaria: in quali casi e come ottenerli malgrado la segnalazione di sofferenza bancaria? L'argomento che ci apprestiamo a trattare riguarda i sistemi (alcuni) che consentono di far erogare dei finanziamenti a soggetti che hanno delle sofferenze bancarie in corso. Però, ancora prima di indicare quali siano queste forme di accesso al credito, è fondamentale non confondere la passeggera difficoltà dalla segnalazione a sofferenza, anche se, in alcuni casi (che diremo poi) la distinzione è ininfluente. Ci riferiamo alla differenza tra incaglio e sofferenza bancaria! Dunque, l'incaglio bancario (in inglese banking impairment) è identificato con una situazione di momentanea difficoltà a causa della quale si è ad esempio in ritardo con il pagamento di una o più rate oppure uno sconfinamento di un conto corrente non autorizzato ovvero oltre il fido concesso.

Incaglio e sofferenza bancaria: il preavviso. Durante questa fase, nota come "ad incaglio", l'istituto (banca o finanziaria) manda una lettera di avviso (preavviso) al debitore concedendogli un termine entro il quale sanare la sua posizione (pagare le rate e/o rientrare dallo sconfinamento), pena la segnalazione in sofferenza. Sempre durante la fase dell'incaglio, il debitore, ove la banca sia d'accordo, potrebbe negoziare condizioni di rientro migliori, per es. un termine e/o delle dilazioni maggiori. NB: il citato obbligo di preavviso di segnalazione a sofferenza, riguarda solo le persone fisiche ed i consumatori NON le persone giuridiche, come da circolare della Banca d'Italia n. 139 del 1991. Scaduto il termine indicato e/o comunque negoziato nel preavviso senza che si sia regolarizzata la posizione debitoria, dall'incaglio si passa alla segnalazione in sofferenza in centrale rischi (per es. crif) nonchè alla Banca d'Italia. Da questo momento, i prestiti in sofferenza sono identificati con la sigla inglese NPL cioè Non Performing Loans e portano a delle note e precise conseguenze: difficoltà di accesso ai finanziamenti. Dopo questa doverosa premessa vediamo quali sono i prestiti a segnalati in sofferenza ovvero le forme alternative che permettono di ottenere credito nonostante la sofferenza bancaria.

Soluzione durante la fase di incaglio finanziario: prima che intervenga la scadenza del termine di preavviso, possibilmente di concerto con il creditore, uno dei modi che suggeriamo per prevenire lo status di segnalato a sofferenza è quello di studiare un piano che ci permetta di consolidare i debiti. Maggiori dettagli su questo, iniziando da rifinanziamento & consolidamento debiti 2019. Se ciò non è possibile, passiamo oltre... Finanziamenti per imprese in sofferenza? Li citiamo solamente per dire che, a parte la cessione del 5º oppure i casi di intervento statale quando è previsto, anche per le imprese che hanno una sofferenza dichiarata, valgono le stesse soluzioni esperibili da privati, autonomi e professionisti con sofferenze in corso.

Finanziamento con sofferenza: le alternative. Tra queste, indichiamo anzitutto quella di cedere il quinto: è una forma di finanziamento che è senza valutazione creditizia ma che, per ovvi motivi, non può essere chiesta da tutti. Infatti, nell'ipotesi in cui non sia possibile cederlo (per es. aziende), la soluzione più semplice è quella di avere un garante. Altra via da percorrere, la quale però necessita di un immobile, anche altrui, è il prestito ipotecario dando in garanzia appunto un bene immobile. NB: spesso, malgrado la presenza di una casa, terreno ecc., chiedono comunque il garante. In mancanza di garante e/o di immobili abbiamo il prestito su pegno: anche questo è un tipo di prestito personale senza valutazione creditizia. Più info su finanziamento garantito da pegno. Chiudiamo con l'ultima forma di prestiti a segnalati in sofferenza: il credito cambializzato. Anche in questo caso, ove interessati, indichiamo alcune finanziarie che fanno prestiti cambializzati nel 2019.
Correlate: prestiti ad autonomi segnalati in crif





Prestiti a segnalati in sofferenza