Home Page di SocialFin.it

Finanziamento e prestiti per la prima volta


Come censirsi per un finanziamento per la prima volta o come chiedere un primo prestito senza storia creditizia



Prestito senza storia creditizia: che significa, come ottenerlo ed a quali condizioni è possibile chiedere un finanziamento per la prima volta in assoluto nel 2021? Dunque, è questione di tempo, ma se è vero che c'è sempre una prima volta, in tutto (o quasi), ci sarà anche una prima volta in cui, per un motivo od altro, chiederemo una qualche forma di credito. Consideriamo che questo (il credito) può riguardare qualsiasi forma di finanziamento: il nostro primo prestito potrebbe essere quello di tipo personale o finalizzato, ma anche un mutuo, un leasing, una carta di credito, un fido su c/c etc. Qualunque sia, si propone il teorico (ma a volte reale) problema dei prestiti per non censiti nelle banche dati che, tradotto in parole povere, vuol dire essere sconosciuti al sistema creditizio e che viene indicato come un soggetto senza storia creditizia laddove questa, di contro, è importantissima per farci ottenere un qualunque tipo di finanziamento. Vediamo perchè e, soprattutto, come ovviare.

Prestiti per la prima volta: perchè a volte viene rifiutato? Iniziamo a rispondere con un quesito: quancuno di noi farebbe un prestito ad uno sconosciuto? Il senso della domanda la dice lunga... Ebbene, chi non ha mai avuto, pagato un finanziamento mette in allarme il finanziatore (banche e finanziarie) il quale, non conoscendoci si porrà i seguenti interrogativi: sarà puntuale nei pagamenti, riuscirà a pagare tutte le rate, sarà in sostanza un buon pagatore? Per rispondere ai superiori quesiti sono nati e si sono sviluppati col tempo i database (banca dati, centrali rischi, archivi, elenchi, etc.) all'interno dei quali vengono, in base al finanziamento richiesto, inseriti tutti coloro i quali (persone fisiche e giuridiche) hanno chiesto ed ottenuto una qualunque forma di finanziamento. La più importante tra queste banche dati è la Crif: la sua importanza è data dal fatto che si viene censiti non solo in modo sfavorevole (cattivi pagatori) ma anche in modo positivo (buon pagatore). Infatti, vengono censiti tutti coloro che pagano e/o hanno regolarmente pagato i finanziamenti ottenuti. Ebbene, quando NON si è censiti, cioè NON si è presenti in nessuna di queste banche dati è possibile che il primo prestito sia rifiutato. Parliamo di esperienze realmente vissute, raccontate da alcuni utenti nei forum e che riguardano ad es. finanziarie come la Compass o anche la Findomestic le quali hanno rifiutato un finanziamento per la prima volta con la motivazione che il richiedente è sconosciuto in quanto privo, senza storico creditizio alle spalle. Vediamo ora, come censirsi per un finanziamento e con quali modi.

Finanziamento per la prima volta? NB: ci rivolgiamo a Te, lettore, a livello individuale... Non credere che sei uno tra i pochi a chiedere prestiti per la prima volta... Secondo in dati diffusi dalla Crif, ogni anno dal 6 al 7% dei richiedenti viene qualificato come New2Credit cioè, a livello ciclico, sono migliaia i soggetti che fanno richiesta di un primo prestito e la maggior parte di loro sono giovani, mentre il 93-94% sono censiti come Active2Credit ovvero coloro che già in passato l'hanno richiesto e/o ottenuto. Consideriamo, infine, che la maggior parte di quel 6-7% riceve il primo prestito. E' arrivato il momento di spiegare come censirsi per un finanziamento e fare in modo di aumentare le possibilità che il nostro primo finanziamento non sia rifiutato: 1) non appena maggiorenni, aprire un conto corrente; 2) dopo qualche mese dall'apertura del c/c, chiedere una carta di credito (non revolving): da questo momento (dall'ottenimento della carta di credito) saremo censiti. Un ulteriore passo sarà quello di ottenere un fido sul c/c oppure di trasformare la carta da "normale" a revolving (pagamento a rate degli acquisti effettuati) in quanto quest'ultima è un finanziamento a tutti gli effetti e come tale, ricordiamo, necessita di un reddito. Quelli appena detti sono i sistemi più veloci che ci consentono di essere censiti. Tuttavia, non sono nè unici, nè obbligatori in quanto abbiamo altre ipotesi...

Primo prestito con busta paga. Tramite la presenza di uno stipendio o comunque di una busta paga sarà possibile ottenere anche prestiti personali per non censiti ma con il seguente limite e che riguarda i neo assunti a tempo indeterminato: è preferibile non avanzare richiesta di finanziamento prima che sia decorso un semestre dall'assunzione. Mentre, se il vostro lavoro è a termine, c'è il problema che il finanziamento non può superare il periodo del contratto ed in tal caso necessita di un garante: ne abbiamo parlato su prestiti personali per lavoratori a tempo determinato. Poi, esiste una richiesta di prestito non censito che può essere inoltrata tranquillamente da chiunque e che verrà accettata: la cessione del quinto. Ma in questo caso (cessione), malgrado l'ottenimento del prestito si continua ad essere NON censiti in quanto, ricordiamo, la cessione, per sua natura, è accordata, per legge, anche a soggetti che hanno avuto gravissimi problemi di pagamento (falliti, pignorati, protestati, ecc.) perchè rientra tra i pochissimi casi (insieme al prestito su pegno) di prestiti senza valutazione creditizia. Altra questione: quali sono le conseguenze nel caso in cui il primo prestito per la prima volta presentato venga rifiutato? Beh, non sono tanto gravi: si rimane "segnalati" per 90 giorni (prima erano 30) duranti i quali non può essere inoltrata una nuova richiesta di finanziamento, la quale andrà ri-presentata dopo i predetti novanta giorni ma corredata dei documenti necessari. Per ultimo: avete bisogno di chiedere dei prestiti per la prima volta senza che questi siano respinti? Se è così dovete presentare un terzo garante che, bada bene, dovrà, anch'egli, essere censito... Correlate: prestiti senza busta paga





Come censirsi per un finanziamento