Home Page di SocialFin.it


Finanziamenti & prestiti protestati con cessione del quinto o senza cessione del quinto


Soluzioni per erogare finanziamenti e prestiti per protestati senza garante e senza busta paga per autonomi con protesti in corso




D: Un protestato puo richiedere un leasing un mutuo un prestito o un finanziamento in genere? Oppure come avere un prestito se sei protestato o con un protesto in corso? Insomma, come chiedere ed ottenere un prestito se sei protestato? Prima di rispondere ai predetti quesiti e quindi dare le soluzioni di credito ai protestati inquadriamo, seppur brevissimamente, la figura in questione: il protesto è un pubblico atto attraverso il quale si attesta l'avvenuta presentazione di assegni (bancari e postali) e cambiali tratte che (per diversi motivi) non vengono pagati e/o accettati dal debitore. Quest'ultimo (il debitore), al verificarsi di un evento, noto come "levata del protesto", assume lo status giuridico di protestato con tutte le conseguenze del caso: in primis il protesto diviene "titolo esecutivo" cioè abilita il creditore a passare direttamente al pignoramento (cfr. prestiti per pignorati) ed alla vendita forzata senza una previa sentenza di condanna da parte di un tribunale, l'emanazione della quale, visti i tempi della giustizia italiana, potrebbe impiegare anche anni. In tal senso, il titolo esecutivo che deriva dal protesto permette al creditore di recuperare parecchio tempo per recuperare il credito sotteso al protesto.

Effetti del protesto sulla concessione di finanziamenti al protestato
E' l'argomento che più ci interessa! Oltre, le conseguenze sopra descritte, il protesto comporta l'iscrizione presso il R.I.P. (acronimo di Registro Informatico Protesti), tenuto presso ogni CCIAA (sigla di Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura) all'interno della quale si può, nella peggione delle ipotesi, rimanere iscritti fino a cinque anni. Non solo: relativamente ai soli assegni bancari o circolari che siano (non alle cambiali), l'iscrizione al R.i.p. presuppone necessariamente quella alla C.A.I. (sigla di Centrale di Allarme Interbancaria), anzi quest'ultima prescinde dal protesto (cfr. prestito con segnalazione cai) ma comporta tuttavia gli stessi effetti e conseguenze in capo al protestato: difficoltà ad ottenere credito. Ed è proprio di quest'ultima che ci occuperemo delineando le soluzioni accordate affinchè anche un protestato possa ottenere un finanziamento malgrado un protesto in corso. Premettiamo che le soluzioni che diremo si possono dividere in due grosse, chiamiamole, categorie: finanziamenti protestati senza cessione del quinto & prestiti protestati con cessione del quinto che saranno trattati separatamente.

Finanziamenti a protestati con cessione del quinto: trattasi della soluzione più semplice per finanziare chi ha subito un protesto. L'ipotesi riguarda lavoratori che possono cedere il quinto o, ove possibile, il doppio quinto della loro busta paga, stipendio o retribuzione che sia. Anche alcuni precari possono cedere il quinto ma a condizione che il finanziamento non ecceda la scadenza del contratto di lavoro.
In base al caso e soprattutto all'entità del finanziamento, alcune banche o finanziarie per erogare alcune forme di prestiti a protestati con busta paga chiedono delle garanzie aggiuntive quali ad es. dare in pegno il proprio TFR (il Trattamento di Fine Rapporto) o TFS (il Trattamento di Fine Servizio), oppure, sempre il Tfr o il Tfs può esser dato in garanzia nell'ipotesi in cui non si voglia o non si possa procedere con la cessione del quinto. L'altra forma di cessione riguarda i prestiti per pensionati protestati: anche questi possono cedere il quinto della propria pensione ma non la "delega" cioè il doppio quinto. Passiamo ora ai prestiti per protestati senza busta paga o senza cessione cioè, in senso lato, ai protestati autonomi.

Finanziamenti & prestiti per protestati senza cessione del quinto per autonomi: è l'ipotesi più difficile ma non impossibile! Il consiglio, scontato ma fisiologico, è quello del prestito per protestati con garante cioè una fidejussione terza ovvero un terzo fideiussore, persona fisica ma anche giuridica (per es. una società) che garantisca il protestato. In mancanza di garanzie personali cioè senza garante una via alternativa da seguire è quella di iscrivere ipoteca su un immobile sia di proprietà del protestato ma anche di terzi (per es. un familiare). Altra strada da seguire, per chi ne sia titolare, è quella di dare in pegno una polizza vita a garanzia del prestito. Inoltre, la predetta polizza di assicurazione caso vita è particolarmente importante, in quanto accettata da alcune finanziarie, per quella che sembra essere l'ultima soluzione accordata a chi ha subito un protesto: i prestiti a protestati con cambiali. Sembra, infatti, che in mancanza di tutte le soluzioni indicate in precedenza, i finanziamenti a protestati cambializzati siano veramente l'ultima possibilià che hanno nel vedersi finanziare prestiti anche con il protesto in corso.
Correlate: prestiti cambializzati 2017: finanziarie che li concedono




Finanziamento anche se protestato